Smettiamo di chiamarlo hobby

Il fatto che si debba fare altro per guadagnarsi il pane quotidiano è irrilevante.
Smettiamo di chiamare hobby quello che richiede il tempo e le capacità di un vero e proprio lavoro.

La città incantata - Kamaji

La città incantata – Kamaji, STUDIO GHIBLI

Non dobbiamo forse rinunciare al tempo che potremmo dedicare alla famiglia, allo svago, a noi stessi per portare avanti il piano che abbiamo ideato per far sì che la nostra opera proceda, migliori, venga conosciuta?

Questa professionalità ci costringe a immani sacrifici ma ci rende anche più determinati, più soggetti all’inventiva perché sono le difficoltà che portano all’innovazione.

E non c’entra neanche il fatto che lo facciamo per passione, motore immobile di ogni nostro sacrificio. Si tratta di techné, sapere e saper fare, lavoro che si retribuisce in altro modo diverso dal denaro. Forse per questo non dovremmo farlo?

Non credo in un mondo che mi chiede di essere come tutti gli altri; credo in un mondo che mi lascia libero di mostrare me stesso perché quel me stesso potrebbe essere latore di benessere per tutti quanti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...